Visualizzazioni totali

giovedì 12 settembre 2013

CANON A35 F (1978)

Tra la fine degli anni '70 e i primi anni '80 si assistette a una applicazione sempre più spinta dell'elettronica nel campo della fotografia.
Il settore più interessato da questa riovoluzione fu sicuramente quello delle 35mm compatte. Fu rivoluzionata la forma stessa dei corpi macchina, con l'adozione di flash integrati e dei corpi in plastica.
 
La CANON A35 F è uno degli ultimi esempi di fotocamera a telemetro di tipo classico, pur non mancando di strizzare l'occhio ad alcune innovazioni come il flash integrato.
A differenza delle rivali, tuttavia, fu volutamente conservato uno stile simile alla progenitrice CANONET 28 e la realizzazione è interamente in metallo.
 
 
Il risultato è una delle compatte più belle e funzionali degli anni '70 senza rinunciare agli aspetti più cari alla clientela di stampo più classico.
Anche se dotata delle migliori raffinatezza tecniche come il telemetro e l'esposimetro CDS, la CANON A35 F è semplicissima da usare grazie all'otturatore a controllo elettronico e alla gestione completamente automatica dei tempi e diaframmi da parte della macchina.
 
La dotazione tecnica, dopo oltre 35 anni è ancora di tutto rispetto e include:
- Obiettivo CANON in 5 elementi con focale di 40mm
- Diaframma con aperture variabili tra f/2.8 e f/20
- Otturatore centrale lamellare a controllo elettronico programmato con tempi di scatto  da 1/60 sec. a 1/320 sec.
- Inquadratura mediante mirino di tipo galileiano, con indicazione dell'apertura diaframma
- Messa a fuoco manuale assisitita da telemetro
- Esposimetro di concezione moderna di tipo CDS con sensibilità da 25-400 ISO
- Attacco a vite per filtri diametro 46mm
- Flash incorporato controllato automaticamente dalla fotocamera
 
 
Per il resto, questa fotocamera è quanto di più semplice vi sia da utilizzare: un gioco da ragazzi per chi non ha mai scattato una foto con una macchina meccanica ma anche uno strumento compatto e di qualità da tenere sempre con se per cogliere l'attimo!
 
L'esposimetro e l'elettronica sono alimentati da una comune batteria alkalina V625 e ciò basta a garantirne il corretto fiunzionamento e risultati sempre eccellenti. Il flash è alimentato autonomamente con una batteria stilo da 1,5volt. 
 

Nessun commento:

Posta un commento