Visualizzazioni totali

martedì 23 aprile 2013

SOM BERTHIOT PAN-CINOR 20-60mm f/2.8

Le origini del marchio francese SOM Berthiot risalgono ai primi del '900 e, insieme ad Angenieux, si tratta di uno dei marchi francesi più prestigiosi nella costruzione di ottiche per utilizzo in campo fotografico e cinematografico.
 
A questo costruttore si deve la nascita delle prime ottiche ultra-grandangolari, denominate "Périgraphe" e utilizzate ancora oggi.
 
Agli inizi degli anni '50 risale la nascita delle ottiche PAN-CINOR con focale a lunghezza variabile (oggi comunemente denominate zoom) e una serie di obiettivi con attacco Leica e Contax, oggi rarissime e vendute a prezzi esorbitanti.  
 
 
Il PAN-CINOR 20-60mm f/2.8 più che una ottica zoom è da considerare come una autentica opera di design e di tecnica degli anni '50.
Più che essere ispirata al concetto di compattezza o di leggerezza, il principio che ne ha guidato la costruzione è quello della robustezza e della qualità, rimasta invariata ad oltre 60 anni dalla sua progettazione. 
 
 
Negli anni '50 ottiche come il PAN-CINOR 20-60mm f/2.8 costituivano l'equipaggiamento migliore per le cineprese 16mm di fascia professionale. In queste situazioni, infatti, era necessaria la flessibilità di una ottica zoom abbinata alla massima luminosità per poter effettuare anche riprese notturne e in scarsa luce.
Obiettivi del genere non erano ancora disponibili nel campo della fotografia.
 
Ai giorni nostri, invece, le moderne fotocamere reflex e mirrorless ad ottica intercambiabile consentono di utilizzare praticamente qualsiasi ottica del passato acquistando degli economici adattatori da 10 /20 euro.
Se si è disposti ad effettuare la messa a fuoco manualmente (cosa molto più divertente e creativa dell'autofocus) si può apprendere davvero appieno il mondo della fotografia e ci si possono permettere, con costi davvero contenuti, ottiche ad alte prestazioni e dalla qualità inarrivabile dalle ottiche "di serie".
Le opportunità di sperimentazione sono praticamente infinite in questo campo...
 
Realizzato interamente in metallo, questo obiettivo è dotato di un diaframma a 12 lamelle che consente uno sfocato di qualità, particolarmente indicato per la fotografia di ritratto.
Inoltre, la sua focale variabile dal grandangolo spinto al medio-tele ne garantisce una ampia gamma d'impiego, dalla fotografia di paesaggio e di architettura al ritratto ambientato.
 
 
- Obiettivo zoom 3x con lunghezza focale variabile da 20mm a 60mm
- Diaframma a iride composto di 12 lamelle, con aperture variabili da f/2.8 a f/22
- Messa fuoco di tipo manuale da 1,50mt.
- Baionetta Passo a vite C-Mount 
 
Questa ottica è facilmente accoppiabile alle moderne mirriorless digitali con sensori più piccoli del formato APS-C rinvenibile sulle reflex.
In particolare, sempre previo opportuno adattatore, è consigliata per la PENTAX Q ma lavora bene anche sulla NIKON 1 e sulle fotocamere MICRO 4/3 Olympus e Panasonic, dove tuttavia viene coperta solo una porzione del sensore e si ottiene una marcata vignettatura dei bordi.  

1 commento: