Visualizzazioni totali

sabato 20 aprile 2013

REVUE REVUEFLEX SD1 (1980)

Il marchio REVUE appartiene al colosso tedesco FOTO-QUELLE, che dalla metà degli anni '50 è una delle maggiori catene al mondo specializzate nel commercio di articoli fotografici.
 
Accanto ai prodotti tradizionali (Nikon, Canon, ecc.), Foto-Quelle ha sempre offerto alla sua clientela articoli con marchio proprio "REVUE", commissionati di volta in volta a costruttori terzi (spesso giapponesi come Ricoh, Chinon e Cosina).
 
Seguendo questa filosofia di acquistare  fotocamere prodotte da terzi e rivenderle con marchio proprio, la "REVUEFLEX SD1" è una variante della nota ed apprezzata "CHINON CS-4".
Si tratta dunque, di una figlia della rivoluzione avvenuta verso la fine degli anni '70 nel campo della fotografia reflex, quando sulla scia della Olympus "OM", anche gli altri costruttori attuarono una miniaturizzazione dei corpi macchina.
 

La "REVUEFLEX SD1" del 1980, pur con un corpo di dimensioni compatte, resta fedele alla tradizione dei modelli a controllo completamente manuale e l'elettronica viene impiagata solo per il funzionamento dell'esposimetro mentre l'otturatore resta di tipo completamente meccanico, con tendine pregevolmente realizzate in metallo anzichè in tela.
 
Inoltre, per favorire la compatibilità con un più ampio parco di ottiche, CHINON-REVUE scelsero di adottare su questo modello il ben noto ed affermato passo a vite che rende la macchina compatibile con una miriade di lenti (dalle eccellenti Revue alle Pentax, Yashica, Pentacon, Ricoh e a quelle di terze parti) per ogni tasca.
 
La REVUEFLEX SD1 rappresenta, di fatto, uno dei modelli più versatili di quella generazione e perfino oggi, ad oltre 30 anni di distanza, è un prodotto ancora moderno e attraente.
 
La dotazione tecnica comprende:
- Obiettivo con lente "AUTO REVUENON" con focale di 50mm
- Diaframma a iride con aperture da f/1.9 a f/16
- Otturatore sul piano focale, con tendine in metallo e tempi di scatto da 1sec. a 1/1.000sec più la posa B
- Esposimetro CDS con lettura di tipo TTL e sensibilità ISO da  25-1600
- Slitta flash con contatto caldo
- Baionetta con passo a vite 42mm (M42) che rende la macchina compatibile con una miriade di lenti (dalle eccellenti Revue alle Pentax, Yashica, Pentacon, Ricoh e a quelle di terze parti) per ogni tasca.
 
L'aspetto più notevole di questa fotocamera riguarda il suo funzionamento, di tipo completamente meccanico. Anche in assenza di batterie per l'esposimetro, la macchina è comunque in grado di funzionare correttamente e tutte le principali funzioni  (messa a fuoco, settaggio dei tempi e apertura diaframma) sono accessibili.
 
Dunque, un modello di assoluto riguardo non solo per il "purista" e l'esperto ma anche un'ottima macchina per lo studente di fotografia e per chi, avendo già una buona esperienza con le macchine del passato, voglia rispolverare le sue qualità di fotografo "vecchia scuola".
 
Per ulteriori info su questo modello ed esempi di foto scattate, visitate:
http://xylocopal2.exblog.jp/4712692/
http://www.tumblr.com/tagged/revueflex%20sd%201
 

Nessun commento:

Posta un commento