Visualizzazioni totali

venerdì 4 gennaio 2013

CHINON BELAMI AF (1989)

Per molti anni i maestri dello Street Photography hanno dovuto destreggiarsi con modelli di fotocamere completamente manuali, che necessitavano di messa a fuoco manuale e regolazione dei tempi di scatto da eseguire di volta in volta, a seconda delle circostanze.
 
Questi problemi sono stati risolti dalle compatte moderne dotate di autofocus e scatto programmato ma tuttavia, anche dopo l'avvento delle versatili e potenti ottiche zoom, c'è chi è rimasto fedele ai modelli con ottica grandangolare a focale fissa, capaci di generare meno distorsioni di prospettiva.
 
La CHINON BELAMI AF del 1989 è una diretta concorrente della geniale Olympus XA e una antesignana della Olympus Mju che hanno rivoluzionato le forme e lo stile delle 35mm compatte.
Si tratta in entrambi i casi di modelli caratterizzatida dimensioni ultra compatte e una forma moderna e funzionale.
 
Queste fotocamere di nuova generazione erano pensate specificamente per la "Street Photography" e, grazie all'ottica grandangolare con focale di 35mm e una meccanica silenziosissima, unita a una elettronica veloce e affidabile, erano in grado di garantire foto sempre eccellenti anche ad un neofita della fotografia.
 
La loro versatilità e compattezza valsero a queste fotocamere un successo planetario, con milioni di pezzi venduti in pochi anni, e un posto d'onore ancora oggi nella storia della fotografia.
 
La dotazione tecnica include:
- Obiettivo con lente Chinon composta di 3 elementi in 3 gruppi con focale di 35mm
- Diaframma con aperture da f/3.9 a f/16
- Messa a fuoco automatica (autofocus) da 1mt.
- Otturatore a controllo elettronico programmato, con tempi di scatto da 1/60sec. e 1/125sec.
- Inquadratura con mirino ottico galileiano
- Esposimetro CDS con sensibilità ISO da 100 a 1000
- Flash integrato con funzione di prevenzione dell'effetto "occhi rossi"
- Caricamento, avanzamento e riavvolgimento della pellicola motorizzato
 

In conclusione, una fotocamera semplice ed economica in grado di offrire una buona qualità fotografica ma soprattutto semplicissima da utilizzare, perfino per chi non ha nessuna esperienza in campo fotografico.
Non è richiesta nessuna impostazione e all'utente non resta che concentrarsi sull'inquadratura e scattare... il risultato sarà sempre di buona qualità.
 

Per ulteriori info e per verificare la qualità delle foto ottenibili, vi invito a visitare i seguenti link:
http://camerapedia.wikia.com/wiki/Chinon_Belami_AF
http://blogs.yahoo.co.jp/chinon_camera/folder/926524.html
http://homepage1.nifty.com/fukucame/chibela.htm
 
 
 

2 commenti:

  1. Ciao Giulio, vorrei una delucidazione da te, anche se non su questa macchina nello specifico! Ho letto questo tuo articolo: http://fotoriflessiva.blogspot.it/2011/11/polaroid-spirit-600-cl-1985.html
    Vorrei sapere una cosa. Ho il medesimo modello. Non capisco, però, quale sia il tasto per utilizzare il flash durante lo scatto o, nel caso, come si debba levare il flash quando si scatta, se vi è qualche pulsante o che altro. E, inoltre, se vi è qualche tasto particolare per la messa a fuoco, non essendo automatica.. Spero saprai darmi una mano : ) Ti ringrazio in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Federica, purtroppo la POLAROID SPIRIT 600 CL è un modello completamente automatico, in cui non puoi attivare o disattivare il flash a tuo piacimento... la fotocamera decide quando e se utilizzarlo (a patto che sia ben funzionante).
      Riguardo alla messa a fuoco, è fissa e non è regolabile autonomamente... scatta bene a partire da 1,5mt

      Elimina