Visualizzazioni totali

martedì 17 aprile 2012

FERRANIA RONDINE (1948)

Il marchio Ferrania, insieme a Bencini, rappresenta uno dei nomi più importanti della fotografia "Made In Italy" nel mondo. La maggior parte dei nostri genitori ne ha posseduta una e anche i turisti stranieri ne compravano una come souvenir delle loro vacanze in Italia. 
 
Erano gli anni dell'immediato dopoguerra e del "Miracolo Italiano"; gli anni dellla Vespa e della 500, dei film di De Sica e Alberto Sordi, dei primi quiz con Mike Bongiorno e... della fotografia in bianco e nero sui rulli 120 e 127, definiti "medio formato" e utilizzati tuttoggi nella fotografa professionale.      
 
La FERRANIA RONDINE appartiene a quella serie di fotocamere per il medio formato, prodotte negli anni del boom economico italiano e destinate a offrire l'illusione e la gratificazione di una Rolleiflex anche alle famiglie o ai "fotografi della domenica".
 
Realizzato interamente in lega di alluminio pressofuso, questo gioiellino di stile dispone di un semplice otturatore a molla e di una lente ad elemento singolo (cd. menisco). Anche il tempo di scatto è singolo e la messa a fuoco è impostata sull'infinito.
 
La fotocamera è provvista di doppio mirino: un mirino a specchio (con inquadratura dall'alto) e un mirino sportivo ( cd. "a traguardo") che consende di inquadrare, attraverso i due telaietti superiori chiudibili a molla, tenendo la macchina ad altezza dell'occhio.
 
A dispetto di una semplicità costruttiva e d'uso disarmanti, questa macchina è tuttavia unanimemente considerata una vera a propria opera d'arte moderna e ambasciatrice dell' "Italian Style" nel mondo, anche più della sorella maggiore FERRANIA ELIOFLEX. 
 
La FERRANIA RONDINE realizza negativi di formato 4x6,5cm su pellicola tipo 127.
Quanto alla reperibilità delle pelicole, tengo a precisare che alcune case (Efke e Maco) PRODUCONO ANCORA le pellicole formato 127. 
 
Un sistema più economico è di impiegare le comuni pellicole 35mm, come mostrato dall' ottimo Giuseppe Di Cillo nel suo blog:
http://dicillo.blogspot.com/2007/09/35-mm-in-127-camera-tutorial.html
In questo caso viene sfruttata l'intera area sensibile della pellicola e si ottiene il caratteristico effetto della foto che presenta i fori di trascinamento nella parte inferiore e superiore... un effetto ricreato anche con Photoshop da molti fotografi professionisti!
 

1 commento:

  1. all'età di dieci anni, nel 1954, i miei genitori mi regalarono una rondine ferrania con la quale mi cimentai nell'arte della fotografia: questa macchina è tuttora presente in una teca in bellavista nell'ingresso della mia abitazione e ne sono molto geloso - - ciao da romanus

    RispondiElimina