Visualizzazioni totali

venerdì 3 febbraio 2012

TAIYODO BEAUTYCORD S (1955)

Negli anni '30 la tedesca Rollei (Franke & Heidecke) lanciò un tipo di fotocamera completamente nuovo e destinato a cambiare il corso della storia: la reflex biottica.
 
Questo schema tecnico fu subito emulato anche dagli altri due colossi tedeschi, Zeiss e Voigtlander, e il successo di queste macchine fu tale che negli anni '50 ormai la biottica era divenuta sinonimo di macchina professionale per il medio formato.
 
I migliori fotografi di moda, ritrattisti, foto-giornalisti e paparazzi ne utilizzavano una; poi seguirono i foto-amatori e infine anche le masse cominciarono a desiderare una biottica. 
 
Anche molti costruttori giapponesi si cimentarono nell'impresa e,  per circa un trentennio, svilupparono e vendettero una ampia gamma di reflex biottiche.
 
Tra questi, principalmente Yashica, Minolta e Ricoh ma anche la piccola Taiyodo Koki si affermò nell'immediato Secondo Dopoguerra per la produzione di una fortunata serie di reflex biottiche. 
 
Sebbene questo costruttore sia sconosciuto in Italia e le sue biottiche siano praticamente introvabili, la fama e la reputazione di queste macchine fu tale che nel 1957 l'azienda cambiò il proprio nome in "BEAUTY", per dentificarsi megio con le sue BEAUTYCORD e assumere un nome più adatto al mercato nternazionale.  
 
La "Beautycord S" del 1955 è sicuramente il modello più bello e che meglio si ispira alle inarrivabili tedesche Rolleicord dell'epoca.
 
Come per le cugine di Germania, si tratta di una agile macchina interamente realizzata in metallo e che, appena impugnata, trasmette subito un'impressione di grande qualità. 
 
I principali comandi sono disposti in modo da rendere facilmente selezionabili tempi e diaframmi senza dover distogliere l'attenzione dal mirino a pozzetto. 
 
Queste le principali caratteristiche tecniche:
- Obiettivo con lente "F.C. Tri-Lausar" in tre elementi, con focale di 80mm
- Diaframma a iride tra i gruppi ottici dell'obiettivo, con aperture da f/3.5 a f/22
- Otturatore centrale lamellare TAYODO KOKI "T.K.K." con 5 tempi di scatto, da 1/10s. a 1/200sec. più la posa B.
- Inquadratura sia mediante mirino reflex a pozzetto che di tipo sportivo a traguardo
- Messa a fuoco TTL su vetro smerigliato, facilitata con lente di ingrandimento
- Autoscatto
- Contatto di sincronizzazione e slitta flash
- Possibilità di comando dello scatto a distanza mediante cavetto flessibile
 
Da rimarcare che la macchina utilizza pellicole di formato 120 ancora ampiamente disponibili, sia a colori che per il bianco e nero, e produce fotogrammi di formato quadrato 6x6cm, di dimensioni e qualità ben superiori a quelle di una reflex 35mm.
 
Per maggiori info su questo modello ed esempi di splendide foto scattate visitate i seguenti link:
http://www.tlr-cameras.com/japanese/Taiyodo.html
http://yamauchibukuro.jp/camera-beautycord-s/

Nessun commento:

Posta un commento