Visualizzazioni totali

martedì 28 febbraio 2012

KODAK KC50 AF (1998)

George Eastman fu uno dei pionieri della fotografia ma, come Henry Ford e altri imprenditori "illuminati", fu anche uno dei principali sostenitori della sua diffusione tra le masse.
 
Per questo motivo, il marchio Kodak occupa un posto d'onore nella storia della fotografia, non solo per i tanti gioielli di tecnica e stile del passato (Bantam Special, Ektra, Medalist, Retina, ecc.) ma anche per altri modelli piu recenti, che conservano il fascino e la qualità che storicamente hanno contraddistinto questo marchio.
 
La KODAK KC50 AF del 1998 è diretta discendente delle tante 35mm compatte prodotte a partire dagli anni '80 e che hanno fatto la storia della "Fotografia di Strada", sfociata poi nella "Lomografia".
 
Per questo genere di fotografia (cogliere l'attimo) è necessario disporre di uno strumento compatto e tascabile ma soprattutto affidabile e capace di scattare in pochi secondi senza perdersi in complicate regolazioni di tempi, diaframmi e messa a fuoco.
 
Per tutto ciò è stata progettata e costruita la KODAK KC50 AF. Grazie all'ottica grandangolare, all'avanzamento rapido motorizzato della pellcola e a un'elettronica veloce e affidabile, questa macchina è in grado di garantire foto sempre decenti anche ad un neofita della fotografia.
 
Lo stesso flash (Kodak Sensalite) è concepito per azionarsi automaticamente all'occorrenza, sebbene sia possibile attivarlo o disattivarlo forzatamente dal'utente.
 
 La dotazione tecnica include:
- Obiettivo con lente grandangolare KODAK in tre elementi e con focale di 29mm
- Apertura diaframma a f/5.6
- Otturatore con tempo di scatto da 1/125 sec.
- Messa a fuoco automatica (autofocus)
- Esposimetro CDS con sensibilità ISO da 100 a 400
- Inquadratura con mirino di tipo galileiano
- Flash integrato con il corpo macchina
- Alimentazione con due batterie stilo AA da 1,5 volts
 
In conclusione, una fotocamera semplice ed economica in grado di offrire una buona qualità fotografica ma soprattutto semplicissima da utilizzare, perfino per chi non ha nessuna esperienza in campo fotografico.
 
Non è richiesta nessuna impostazione e all'utente non resta che concentrarsi sull'inquadratura e scattare... il risultato sarà sempre di buona qualità.

Nessun commento:

Posta un commento