Visualizzazioni totali

giovedì 9 febbraio 2012

FERRANIA ETA (1943)

Il marchio Ferrania, insieme a Bencini, rappresenta uno dei nomi più antichi e più noti della fotografia "Made In Italy" nel mondo. La maggior parte dei nostri nonni e genitori ne ha posseduta una e ci ha immortalato i ricordi più belli, tramandati a noi dell'era del digitale.
 
La Ferrania Eta risale agli anni immediatamente precedenti la Seconda Guerra Mondiale, in cui l'Italia era sotto il governo fascista e l'autarchia (produzione in patria di tutto ciò che servisse alle esigenze di consumo) rese molto popolari le fotocamere di costruzione semplice.
 
In quegli anni la pellicola medio formato era la più impiegata e decisamente più economica del 35mm per cui quasi tutti i costruttori realizzavano modelli per la pellicola in rulli formato 120 o 127.
 
Questa consentiva non solo una meccanica semplificata, perchè non vi era necessità di riavvolgimento, ma permetteva anche di ottenere negativi di formato superiore al 35mm a tutto vantaggio della qualità degli ingrandimenti e della stampa. 
 
La Ferrania Eta del 1943 ha uno stile molto sobrio e una caratteristica colorazione nero opaco del corpo macchina, realizzato con due semi-gusci in metallo e un semplice corpo obiettivo cromato:
- Fotocamera per pellicola in rulli formato 127
- Corpo interamente in metallo
- Obiettivo con lente a menisco e focale di circa 75mm
- Diaframma con apertura fissa a f/9
- Otturatore a battente che non necessita di caricamento e ha tempo di scatto singolo
- Inquadratura con mirino galileiano
 
Sotto il piano puramente tecnico, la Ferrania Eta è improntata alla massima semplicità di utilizzo e anche un principiante ne capirebbe subito il funzionamento, senza neppure il bisogno di un manuale d'istruzioni.
 
Tengo a precisare che il formato di pellicole 127 utilizzato da questa macchina e da tante altre macchine italiane viene ancora prodotto da alcuni marchi come EFKE e MACO e per l'acquisto potete visitare:
http://www.puntofoto.it/welcome.asp
http://www.fcf.it/home.asp
http://www.unionfotomarket.it/
http://www.giovenzanaonline.com/
Un sistema più economico è quello di utilizzare le normali 35mm, come spiegato dall' ottimo Giuseppe Di Cillo nel suo blog:
http://dicillo.blogspot.com/2007/09/35-mm-in-127-camera-tutorial.html
 
In conclusione, uno splendido esempio di "Italian Style" da esibire con orgoglio, anche per chi colleziona solo Leica, Rollei e Zeiss.

Nessun commento:

Posta un commento