Visualizzazioni totali

venerdì 13 gennaio 2012

VOIGTLANDER VF 135 (1976)

Negli anni '70 l'industria fotografica tedesca dovertte scontrarsi con la più grossa crisi della sua storia; la crisi che ne avrebbe lentamente decretato la scomparsa...
 
Agevolati dal basso costo della manodopera e dagli elevati contenuti tecnologici delle loro macchine, i giapponesi stavano rapidamente monopolizzando il mercato e, per fronteggiare la concorrenza, ai tedeschi non rimase altro che "delocalizzare la produzione" in paesi a basso costo di manodopera.
 
Fu questo il caso della Rollei e della appena acquisita Voigtlander, che affidarono le loro produzioni a stabilimenti realizzati a Singapore. Gioielli come la esclusiva "Rollei 35" ma anche modelli più accessibili come la "Rollei XF35" e la "Voigtlander VF135" continuarono ad avvalersi della solita componentistica di qualità, ma beneficiarono anche di una sensibile riduzione dei costi di assemblaggio.
 
Prodotta negli stessi stabilimenti della Rollei, la Voigtlander VF135 è in pratica la gemella della Rollei XF35, con piccole differenze estetiche come la colorazione, che nella Rollei era nera e nella Voigtlander fu argento. Perfino la lente era la stessa: la eccellente Zeiss "Sonnar" in 5 elementi, che sul modello Voigtlander fu denominata "Color Skoparex", nome più familiare ai fan Voigtlander.
 
Nelle forme, la Voigtlander VF135 è una classica telemetro anni '70, dunque linee squadrate ma anche compatta, leggera e piacevole da impugnare.
 
L'esposizione è di tipo automatico “programmato”, cioè basata su un esposimetro al Solfuro di Cadmio (CDS)  e su un otturatore centrale Copal con tempi da 1/30 ad 1/650 più la posa B. In pratica, basta inquadrare e mettere a fuoco e la macchina farà il resto, garantendo risultati eccellenti in ogni condizione.
 
La vera "ciliegina sulla torta" è, tuttavia, rappresentata dall’ottica: nientemeno che un Sonnar 40mm con luminosità f/2.3 in luogo del classico f/2.8
 
Queste, in sintesi, le principali caratteristiche tecniche:
- Lente di alta qualità Voigtlander "Color Skoparex" composta di 5 elementi in 4 gruppi e con focale di 40mm
- diaframma con aperture da f/2.3 a f/16
- Otturatore centrale lamellare con tempi di scatto da 1/30sec. a 1/650 sec. più la posa B
- Telemetro per una messa a fuoco sempre impeccabile
- Esposimetro con cellula cds e sensibilità da 25-400 ISO
- Autoscatto, con ritardo di 10 secondi
- Indicazione dell'esposizione visibile direttamente dal mirino
- Slitta per flash esterno
 
In conclusione, una macchina di grande pregio tecnico ma anche di assoluto valore collezionistico, poichè prodotta in appena 59.200 esemplari.
Per ulteriori info ed esempi di foto scattate con questo modello visitate i seguenti links:
http://www.silvermoon.idv.tw/pho-vf135.html
http://35mm-compact.com/compact/voigtlandervf135.htm

Nessun commento:

Posta un commento