Visualizzazioni totali

domenica 25 dicembre 2011

KODAK 35 RF (1940)

Negli anni '40 il colosso americano Kodak era uno dei maggiori produttori al mondo di fotocamere.
Accanto alla produzione di modelli di fascia popolare, Kodak realizzava anche sofisticati gioielli di tecnica come la "Ektra", la "Chevron" e la "Medalist" che non furono mai esportati sul mercato europeo.
Proprio dall'Europa, però, giungeva agli americani una sfida chiamata "LEICA", che con le sue dimensioni compatte e l'impiego di una nuova pellicola, il 35mm, costituiva una vera sfida tecnica al primato americano.
Così, vari costruttori come Argus, Universal (Mercury), Perfex e Kodak realizzarono modelli per il formato 35mm che ricalcavano lo schema tecnico e lo stile della Leica tedesca.
La KODAK 35 del 1938 fu la prima fotocamera 35mm prodotta da Kodak ma la mancanza del telemetro non ne faceva ancora una valida concorrente della Leica finchè non fu lanciato il modello "35 RF" nel 1940.
Si trattava, infatti, di una vera e propria 35mm, dotata di un telemetro accoppiato al meccanismo di messa a fuoco che, attraverso un secondo mirino affiancato a quello principale, consentiva di eseguire la messa a fuoco con estrema precisione.
L'aggiunta del telemetro richiese radicali modifiche al modello iniziale ma il risultato fu di assoluto impatto visivo: non c'è dubbio che questa fotocamera o si ama o si odia!
Queste le principali caratteristiche tecniche:
- Obiettivo con lente KODAK "Anastar" con focale di 50mm
- Diaframma a iride fra i gruppi ottici dell'obiettivo con aperture da f/3.5 a f/16
- Otturatore centrale lamellare con 5 tempi di scatto, da 1/10sec. a 1/200 sec. più la posa B e T
- Inquadratura con mirino galileiano
- Messa a fuoco mediante telemetro con la rotazione di una corona dentata posta accanto all'obiettivo.
- Autoscatto
- Contatto di sincronizzazione per flash esterno
Purtroppo, a causa del prezzo piuttosto elevato (circa 700 dollari attuali) la Kodak 35 RF non era un modello alla portata di tutti e questo ne determinò una limitata diffusione a scapito della concorrente ARGUS C3, che costava la metà.
Questo fatto, tuttavia, la lende ancor più appetibile dal punto di vista collezionistico, data la sua maggiore rarità. A questo aggiungete che si tratta di un modello destinato al solo mercato americano e mai importato in Europa.
Dunque una macchina non solo antica e rara ma anche uno dei modelli-simbolo di casa Kodak, ancora oggi pienamente fruibile grazie all'impiego di pellicole formato 35mm.

Nessun commento:

Posta un commento