Visualizzazioni totali

venerdì 16 dicembre 2011

HANIMEX ZOOM MACRO 72-162mm (f/3.5)

L'australiana Hanimex fu fondata nell'immediato Secondo Dopoguerra e la sua storia è simile a quella di altri marchi come Porst, Boots, Sears, Prinz, Gaf, Kalimar, ecc. Si tratta, cioè, di grossi importatori che commissionavano i loro prodotti ad altre aziende e li rivendevano con marchio proprio e con piccole modifiche puramente estetiche rispetto al prodotto originale.
Sebbene oggi il numero di produttori indipendenti si sia ridotto a pochissimi nomi (Sigma, Tamron, Tokina), negli anni '70 e '80 ottiche come il 72-162mm del presente annuncio costituivano una valida alternativa ai modelli più blasonati di Pentax, Nikon e Canon.
Si tratta, infatti, di un'ottica costruita secondo gli standard di qualità giapponesi ma venduta a prezzi più accessibili rispetto a modelli analoghi marcati Canon.
Realizzato interamente in metallo e secondo gli standard di qualità giapponesi, questo obiettivo è dotato di un diaframma a 8 lamelle che consente uno sfocato di qualità, ideale per la fotografia di ritratto.
Quest'obiettivo è dotato di paraluce incorporato estraibile dal barilotto e, inoltre, la sua escursione focale (72-162mm) ne garantisce una ampia gamma d'impiego, dal ritratto alla fotografia naturalistica, a quella sportiva.
- Obiettivo zoom con focale variabile tra 72-162mm
- Diaframma a iride composto di 8 lamelle, con aperture variabili da f/3.5 a f/22
- Messa fuoco di tipo manuale con distanza minima da 1,5mt.e funzione macro
- Paraluce incorporato
- Attacco filtri diametro 55mm
- Baionetta Canon FD
Da notare la geometria dell'ottica, che seppure di tipo zoom, non comporta alcuna estensione del barilotto ma tutti i movimenti di scorrimento avvengono ll'interno del barilotto. Soprattutto, si noti che l'apertura massima del diaframma (f/3.5) resta invariarta anche alla sua massima estensione, caratteristica tipica solo delle ottiche più costose. Degna di nota è anche la pregevole funzione "macro", che consente di mettere a fuoco da distanze ravvicinate.
Segnalo, infine, che oltre all'utilizzo su fotocamere classiche a pellicola, utilizzando un semplice adattatore, questi obiettivi possono essere montati sulle moderne reflex digitali con notevole risparmio di denaro e risultati spesso ineguagliabilii dalle ottiche attuali.

Nessun commento:

Posta un commento