Visualizzazioni totali

domenica 11 dicembre 2011

HALINA VICEROY (1957)

Negli anni 50 e 60, mentre Hong Kong era ancora sotto il dominio britannico, la Haking, con i suoi modelli ebbe un successo planetario.
Si trattava per lo più di fotocamere destinate al grande pubblico ma che, non per questo, rinunciavano a una linea estremamente attraente e a un'ottima qualità costruttiva.
Il "fascino cromato" dei modelli Halina e il loro imbattibile rapporto prezzo/qualità ne decretò subito un successo senza precedenti: probabilmente il primo esempio di prodotto cinese a invadere gli Stati Uniti e il resto del mondo.
Anche quì in Italia le Halina godevano di un'ottima reputazione ma per motivi di "protezionismo economico" furono gravate da tariffe doganali e arrivarono in quantità molto limitate (cd. contingentamento).
Oltre ai modelli più economici per il formato 35mm, la Haking-Halina produsse anche macchine biottiche, cavalcando il successo che in quegli anni riscuotevano Rollei e Yashica con modelli analoghi. 
 
Le reflex biottiche, come la "Viceroy" del presente annuncio, rappresentano Il top della gamma Halina e il loro stile era chiaramente ispirato agli inarrivabili (sia per qualità che per prezzo) modelli tedeschi di Rolleiflex.
La realizzazione del corpo macchina, interamente in metallo elegantemente rivestito con inserti in pelle, e le cromature a profusione conferivano a questa biottica una linea elegante e ricercata che rendeva orgogliosi i fortunati possessori.
Inoltre, le ottiche fornivano colori particolarmente saturi e una leggera vignettatura dei bordi che, in questi ultimi anni, hanno reso queste macchine un vero oggetto di culto tra gli appassionbati di LOMOGRAFIA.
Insieme alle LOMO Lubitel, le biottiche Halina sono oggi tra le macchine più ricercate per chi fa della fotografia un'arte e preferisce ancora il fascino e l'enorme ampiezza di gamma cromatica della pellicola rispetto al digitale, ancora troppo povero di sfumature per un occhio esperto...
Per ulteriori info e esempi di foto scattate con questo splendido modello visitate i seguenti link:
http://www.lomography.com/magazine/reviews/2010/01/18/halina-viceroy-almost-fit-for-a-king
http://www.flickr.com/photos/faesher/sets/72157603515578441/
http://www.flickr.com/groups/halina-viceroy/pool/with/3838537670/
http://www.flickriver.com/photos/faesher/sets/72157603515578441/
Come tutte le biottiche, anche la HALINA VICEROY utilizza pellicole di formato 120 ancora ampiamente disponibili, sia a colori che per il bianco e nero, e produce negativi di formato quadrato 6x6cm.
Tuttavia, la caratteristica che differenzia questo modello da tutti gli altri è la presenza di una maschera interna che consente di scattare anche negativi di formato 24x36mm ovvero dello stesso formato ottenibiule con le pellicole 35mm.
In questo modo è possibile raddoppiare il numero di fotogrammi ottenibile su un normale rullo 120... davvero geniale!

Nessun commento:

Posta un commento