Visualizzazioni totali

sabato 10 dicembre 2011

ANSCO SHUR SHOT 20 (1948)

Nell'immediato secondo dopoguerra le fotocamere di maggiore successo negli USA erano le soffietto e le box.
Si trattava per lo più di macchine dalla costruzione semplice ma dal disegno spesso elegante e ricercato, pensate specificamente per esercitare un forte fascino sulla clientela.
Questa Ansco Shur Shot 20 è un modello praticamente introvabile in Europa (non essendo mai stata commercializzata da noi) ma una vera icona per il popolo americano, al pari delle Argus e di alcuni modelli Kodak.
Prodotta a partire dal 1948, questa fotocamera è chiaramente ispirata ai modelli degli anni '20. Il frontale in stile Art Deco, il corpo realizzato interamente in lamierino e la lente a scomparsa, celata dietro l'otturatore fino al momento dello scatto... tutto questo richiama evidentemente i primi modelli di fotocamere di inizio '900
Tecnicamente, la macchina è improntata alla massima semplicità, con un unico tempo di scatto intorno a 1/50sec. più la posa B. Anche l'apertura diaframma è fissa  a f/14.
Nulla di strano, se si pensa che le macchine box dell'epoca erano pensata per il negativo in bianco e nero che, tollerando esso buone compensazioni in fase di stampa,  veniva lasciata alla bravura del laboratorio fotografico la vera e propria regolazione dell'esposizione.
L'obiettivo è costituito da un'unica lente, con focale di 90mm (che nel medio formato equivale circa un obiettivo normale del 35mm) con messa a fuoco fissa sull'infinito.
La pellicola viene fatta avanzare con una rotella e come accade in molti apparecchi 120, non esiste un "fine corsa": l'utente deve fermarsi al momento giusto, controllando il numeretto stampato sulla carta che protegge il lato posteriore della pellicola 120, e che appare da un'apposita finestra sul dorso, chiusa da un vetrino rosso.
Cos'altro aggiungere... Se volete cimentarvi con la fotografia degli albori la Shur-Shot 20 è un ottimo ed economico modo per iniziare.
La macchina, infatti, è perfettamente funzionante e ancora fruibile poichè utilizza pellicole di formato 120, ancora prontamente reperibili ovunque (sia a colori che in bianco e nero).

Nessun commento:

Posta un commento