Visualizzazioni totali

sabato 26 novembre 2011

TRUVOX WEMBLEY SPORTS (1950)

Negli anni immediatamente successivi alla fine della Seconda Guerra Mondiale, prima dell'offensiva giapponese, il mercato fotografico presentava ancora buone opportunità anche per i piccoli produttori a carattere artigianale.
E' questo il caso della piccola Truvox con sede a Londra. Guidati dal boom economico degli anni '50 gli inglesi decisero di fabbricare una fotocamera interamente in bakelite e con lente a tubo telescopico, un po' ispirandosi alla francese Photax e alla americana Kodak Duex.
Il risultato è una macchina dalla linea inconfondibile e dal gusto marcatamente retrò.
La Wembley Sports, infatti, è una imponente fotocamera dotata di un corpo in bakelite insolitamente robusto e pesante da sembrare fatta di metallo.
La macchina è anche rifinita con bordature e scritte in color oro che ne esaltano il fascino art decò.
Queste le sue principali caratteristiche tecniche:
- Lente inglese denominata"London Sportar" montata su obiettivo a tubo telescopico con con focale di 85mm
- diaframma con tre aperture da f/11 a f/22
- Otturatore "Rondex Rapid" con tre tempi di scatto da 1/25sec. a 1/100 sec. più la posa B
- Possibilità di comando a distanza dell'otturatore a mezzo cavo flessibile
Prodotta per soli 5 anni, tra il 1950 e il 1956, la Wembley Sports era una macchina progettata per l'impiego della pellicola in rulli di formato 120, sulla quale realizza fotogrammi di dimensioni 6x9cm (dimensioni circa il triplo di una 35mm) adatti anche per stampe di grandi dimensioni senza perdita di qualità.
In conclusione, un modello essenziale e semplice da usare, ma anche capace di eccellenti foto. Ancora pienamente fruibile ma anche di grande impatto visivo qualora desideriate semplicemente esporla in una teca.

Nessun commento:

Posta un commento