Visualizzazioni totali

mercoledì 16 novembre 2011

POLAROID SPIRIT 600 CL (1985)

Il marchio Polaroid è legato ad un rivoluzionario processo chimico sperimentato nel 1929 dal Dr. Edwin Land e che impiegava un supporto che conteneva già al suo interno i reagenti chimici necessari per lo sviluppo dell'immagine. Nel 1947 nacque la prima fotocamera Polaroid, mediante la quale si potevano ottenere fotografie in pochi secondi dopo lo scatto.
 
Nella fotocamera veniva inserita una cartuccia contenente una serie di fogli fotosensibili, coperti singolarmente da una pellicola impregnata di una sostanza reagente i quali, una volta impressionati, venivano estratti manualmente da un lato della fotocamera ed in seguito (dopo circa 60 secondi) venivano separati dal foglietto reagente scoprendo così il foglio con l'immagine impressa direttamente in positivo (eliminando il passaggio del negativo e della successiva stampa che obbligava la consegna del rullino presso un laboratorio.  L'immagine si stabilizzava definitivamente nel corso di una decina di minuti.
Per la sua facilità di utilizzo, il sistema Polaroid riscosse un enorme successo, anche se la qualità di stampa non raggiunse mai il livello della stampa fotografica tradizionale. Le stampe avevano il difetto di soffrire molto l'invecchiamento e l'esposizione alla luce tanto che, in alcuni casi, già dopo pochi anni di normale conservazione, le immagini risultavano sbiadite e fortemente virate verso il blu.
 
Ma proprio le caratteristiche dominanti di colore e la vignettatura causata dalla scarsa qualità delle lenti in plastica fecero delle macchine Polaroid un formidabile strumento di espressione artistica: la Polaroid fu usata da Andy Warhol, amata da Helmut Newton, Nobuyoshi Araki e molti altri e divenne il simbolo di un'epoca.
Insomma, una antesignana della odierna lomografia.
La POLAROID SPIRIT 600 CL del 1985 risale al periodo di maggiore successo della fotografia istantanea.
Si trattava, inoltre, di un modello di alta gamma dotato di una serie di impostazioni e regolazioni non presenti sui modelli più economici.
Anzitutto è possibile regolare la messa a fuoco per soggetti ravvicinati (tra 60cm e 1,2mt.) e foto normali. Poi è presente un esposimetro, che consente alla macchina di impostare il più opportuno tempo di scatto. Infine, è presente anche un flash incorporato.
Tecnicamente, si tratta di un modello di fascia alta nella gamma Polaroid ed era pertanto dotata di un'otturatore a controllo elettronico, di esposimetro di tipo cds, di un flash incorporato e della gestione automatica dei tempi di posa:
- Obiettivo con lente in plastica ad elemento singolo e focale di 109mm dotato di aggiuntivo ottico incorporato per le foto da distanza ravvicinata
- Otturatore a controllo eletronico, con tempi di scatto da 1/4sec. a 1/200sec.
- Cursore di compensazione manuale dell'esposizione (Darken/lighten) che consente appunto la regolazione manuale della luminosità 
- Messa a fuoco fissa
- Flash automatico, comandato dalla fotocamera quando le condizioni di luce lo richiedono
- Tracolla in nylon
Questa fotocamera realizza foto a colori di formato quadrato con dimensioni 8x8cm ed impiega cartucce di tipo "Polaroid 600" che incorporano al loro interno anche le batterie di alimentazione della macchina.
Le pellicole per questo modello sono ampiamente reperibili, sia in internet che nei negozi di articoli fotografici, per cui basta chiedere "pellicola PX600 per Polaroid".
Come per tutti i modelli Polaroid, l'aspetto più interessante è il look inconfondibile delle foto prodotte: colori particolarmente saturi e una avidente vignetatura dei bordi fanno di ogni foto una autentica opera d'arte.
Se non siete già tra i fortunati possessori di un tale gioiellino, non lasciatevelo scappare! Le sue quotazioni di mercato sono destinate a crescere nei prossimi anni...
Per visionare alcuni esempi di foto scattate con questo modello visitate i seguenti link:
http://www.flickr.com/groups/spirit600/pool/
http://www.lomography.com/photos/cameras/3317632-polaroid-spirit-600-cl
http://en.polaroid-passion.com/galerie/?c=27
http://www.youtube.com/watch?v=bP1kvP-wvuM
 
 

17 commenti:

  1. Ciao Giulio...intanto ottimo articolo...volevo sapere una cosa...è possibile trovare ancora adesso le cartucce per la Polaroid 600??e un'altra cosa....possono esistere delle cartucce non marcate Polaroid che sono compatibili??grazie mille!!

    RispondiElimina
  2. Ciao, attualmente le uniche pellicole tipo 600 disponibili (AMPIAMENTE REPERIBILI) non sono marcate Polaroid ma IMPOSSIBLE PROJECT.
    Questa società ha rilevato gli stabilimenti in cui venivano prodotte da Polaroid e ha ricominciato a produrle con marchio proprio.
    Cerca su google "pellicole PX600 per Polaroid".

    RispondiElimina
  3. Ciao Giulio, complimenti per l'articolo, molto interessante.
    Mi sono sempre piaciute le Polaroid anche se ne ho pochi ricordi (sono nato nel 1990). Non ne ho mai avuta una ma mi piacerebbe rimediare. Tra i tanti modelli del passato, quale consigli? Escludi pure gli ultimi modelli "plasticoni".

    Grazie anticipatamente!

    Se hai piacere fai un salto sul mio Blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jacopo, purtroppo le polaroid sono I PLASTICONI PER DEFINIZIONE ma su quale consigliarti non ho dubbi:
      1. POLAROID PX70 (istantanea reflex)
      2. POLAROID 1000 (la più vista nelle varie pellicole del cinema)

      Entrambe usano la stessa pellicola PX70 ancora in produzione ma il prezzo è molto diverso tra le due: in media 150 euro per la prima e 50 per la seconda.

      Complimentio per il tuo blog dedicato alla moto come compagna di vita e di libertà. Sogno da anni una CAFE' RACER artigianale... Chissà se potrò mai averne una ;-)

      Elimina
    2. Ti ringrazio molto per la dritta! Navigando su internet sono venuto a conoscenza anche delle macchine Holga.. interessanti caratteristiche fotografiche! Eheheh
      L'hai mai provata?

      Le vecchie cafè racer sono meravigliose.. in generale i prodotti vintage sono meravigliosi: più imprecisi, imperfetti ma con più carattere ed anima.

      Elimina
    3. Se desideri sperimentare la lomografia ti sconsiglio i "giocattoli cinesi".
      sono da preferire le LOMO originali sovietiche come la SMENA 8M, SMENA SYMBOL, BELOMO VILIA o AGAT 18K.
      Hanno tutte il vantaggio di usare il 35mm al posto del 120 della Holga.
      Per il formato 120 ci sono le splendide LOMO LUBITEL 2 e LUBITEL 166.
      Tutte recensite su questo blog con relativi link alle foto di esempio.

      Elimina
  4. Ciao Giulio. Volevo farti i miei più sinceri complimenti per il tuo blog, è veramente fantastico. Dato che sei un esperto in tema fotografia ed io mi ritengo ancora una novellina, vorrei dei consigli in materia di istantanee. Mi spiego meglio: io ho una Fujifilm Instax mini 8, diciamo una toycam. Il problema di questa macchinetta non è tanto la resa (anche perché so di non poter pretendere foto in alta definizione) quanto ciò che cattura: foto dall'angolatura sfalzata, immagini sfocate, ecc. Sapresti dirmi quale macchinetta mi permette di avere delle belle foto instantanee (magari anche come resa)?

    RispondiElimina
  5. Ciao giulio, ho una polaroid spirito 600 cl, ma non funziona non fa niente, sai se c'è qualche manuale o qualcosa simile??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo io ;) nela cartuccia con le pellicole è compresa anche la batteria (non sto a spiegarti come che è una storia lunga) che mette in moto otturatore e flash.quindi forse la tua polaroid è funzionante!

      Elimina
  6. ciao Giulio, potendo scegliere, a pari prezzo è meglio acquistare una 600 cl spirit o una 636 close up?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima, perché proviene dal mercato speciale (non era in vendita nel normale circuito, ma solo come premio/buono punti/etc) e perché corrisponde alla sun650. La 636 close up resta però un ottima alternativa, molto più facile da reperire

      Elimina
  7. Ciao. Ho ereditato una 600 CL dai miei genitori. Risulta integra et funzionante. Vorrei sapere quanto può essere valutata sul mercato amatoriale. Grazie. Nov. 2016.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho preso la scorsa settimana una spirit 600cl a 30euro. Ho visto che i prezzi si aggirano intorno ai 40-50. Se funzionante e con manuale e scatola inclusi puoi arrivare con molta calma a 70

      Elimina
  8. salve ho una spirit 600 cl , mi spieghi il cursore dell'esposizione?non ricordo se quando c'è troppa luce devo usare la freccia bianca o il contrario. grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti rispondo io ;) il contrario. Come con gli stop della reflex devi tenere a mente che se vuoi la foto più luminosa devi andare sul bianco (in caso di scarsa illuminazione, attento al fattore flash quindi ricorda che la sua potenza diminisce con il quadrato della distanza)

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Buongiorno, ho trovato a casa di mia zia una spirit 600 con scatola originale ed in perfetto stato di conservazione, credo sia stata utilizzata una o due volte, addirittura la cinghia è ancora legata come da confezione originale. Mi chiedevo: ma ha una batteria? E se si, dove si trova? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina