Visualizzazioni totali

venerdì 25 novembre 2011

OLBIA 6x6 EXPORT MODEL (1947)

Negli anni '30 la tedesca Rollei (Franke & Heidecke) lanciò un tipo di fotocamera completamente nuovo e destinato a cambiare il corso della storia: la reflex biottica.
Questo schema tecnico fu subito emulato anche dagli altri due colossi tedeschi, Zeiss e Voigtlander, e il successo di queste macchine fu tale che negli anni '50 ormai la biottica era divenuta sinonimo di macchina professionale per il medio formato.
I migliori fotografi di moda, ritrattisti, foto-giornalisti e paparazzi ne utilizzavano una; poi seguirono i foto-amatori e infine anche le masse cominciarono a desiderare una biottica. 
 
In risposta a questa esigenza, furono realizzate biottiche di ogni tipo, forma e fascia di prezzo e, in breve, quasi ogni fabbricante volle averne almeno un modello nel proprio catalogo prodotti.
La storia della biottica francese OLBIA 6x6 è un po' diversa da tutte le altre.
Venduta inizialmente con il nome di "OMEGA Eikon", l'azienda costruttrice fu presto querelata dall'omonimo colosso svizzero OMEGA produttore di orologi di precisione.
 
Secondo gli svizzeri, il nome e il marchio dell'azienda francese risultavano troppo simili a quelli dell' "orologiaio" e potevano indurre il pubblico a credere che si trattasse della stessa azienda...
Alla fine, il gigante ebbe la meglio sul nano e la OMEGA si trasformò in OLBIA ma questo fatto ebbe una conseguenza del tutto singolare sulle biottiche già prodotte: il marchio "OMEGA" rimase inciso sulle fotocamere ma fu occultato con la sovrapposizione di una targhetta metallica recente la scritta "OLBIA".
E' questo il caso anche dell'esemplare in oggetto.
Al dilà delle curiosità storiche, la OLBIA 6x6 è una piccola biottica costruita con molta cura e dotata di un'ottica ed una meccanica di tutto rispetto nel 1947.
La linea ricorda chiaramente quella delle tedesche Voigtlander Brillant V6, anch'esse realizzate in bakelite. Anche in questo caso, il mirino a pozzetto è particolarmente luminoso e tale da fare concorrenza alla rivale tedesca.
La realizzazione, strano a dirsi, risulta ancora più solida della Voigtlander poichè la macchina è dotata di un dorso e una base in metallo anzichè in bakelite.
Dal punto di vista tecnico, queste sono le principali caratteristiche:
- Obiettivo con lente ROUSSEL "Trylor" con focale di 75mm
- Diaframma a iride fra i due gruppi ottici dell’obiettivo, con aperture da f/4.5 a f/16
- Otturatore centrale lamellare prodotto dalla GITZO Paris con tempi di scatto da 1/25sec. a 1/200sec. e posa B
- Messa a fuoco su scala metrica mediante rotazione della ghiera dell’obiettivo
- Inquadratura mediante mirino reflex a pozzetto
- Predisposizione per il comando dello scatto a distanza, mediante cavetto flessibile
Come la quasi totalità delle biottiche, la OLBIA produce fotogrammi di un generoso formato quadrato 6x6cm ma impiega pellicola 620.
Sebbene ormai fuori produzione, è importante notare che il formato 620 non è altro che l'attuale pellicola 120 montata su un rocchetto più sottile per cui, questa fotocamera è ancora pienamente utilizzabile.
In rete esistono numerosi tutorial illustrati che spiegano passo passo come utilizzare le comuni pellicole 120 nelle macchine di formato 620. Ecco qualche esempio:
www.inficad.com/~gstewart/respool.htm
www.brownie-camera.com/respool/respool.shtml
www.prairienet.org/b-wallen/BN_Photo/Kodak620.htm
www.camerapedia.org/wiki/120_film
www.rapidphoto.net/respool.pdf
Un sistema ancora più economico è di impiegare le pellicole 35mm, come mostrato al seguente link:
http://dinnerpicasso.blogspot.com/2008/02/loading-35mm-film-in-kodak-duaflex-ii.html
In questo caso viene sfruttata l'intera area sensibile della pellicola e si ottiene il caratteristico effetto della foto che presenta i fori di trascinamento nella parte inferiore e superiore... un effetto ricreato anche con Photoshop da molti fotografi professionisti!
Concludendo, la OLBIA 6x6 è una macchina semplice da usare, robusta e realizzata con la massima cura, che, a dispetto dei suoi oltre 60 anni, si presta bene ancora oggi per l'utilizzo in fotografia e fornisce foto di sorprendente qualità.
Per maggiori info, e soprattutto per vedere esempi di foto scattate con questo modello, visitate i seguenti links:
http://www.camerapedia.org/wiki/Olbia_pseudo_TLR
http://www.flickr.com/photos/heritagefutures/sets/72157609773956911/with/3051983125/

Nessun commento:

Posta un commento