Visualizzazioni totali

martedì 8 novembre 2011

KW-PENTACON PENTI II (1961)

Nato da una costola della Zeiss, il marchio Pentacon è noto soprattutto per essere stato uno dei pionieri della fotografia reflex e per le sue indistruttibili "Praktica".
Tuttavia, accanto alla sterminata produzione di macchine reflex, furono realizzate anche alcuni modelli a ottica fissa per il formato 35mm e questi modelli sono molto ricercati soprattutto per la esigua quantità in cui vennero prodotti.
Lanciata nel 1959, la Penti rappresenta un po' la risposta alla Zeiss Werra: una macchina elegante e compatta ma soprattutto unica nello stile. Due anni dopo (1961) seguì un secondo modello, disponibile in due versioni con o senza esposimetro al selenio: la Penti II del presente annuncio. 
 Dotata di un corpo macchina in colore oro, la Penti, ricorda più una pochette per signora o un portasigari che una macchina fotografica.
Ma, al di là dell'estetica, la Penti II è anche una macchina di sostanza, completamente manuale e dotata di tutte le regolazioni di scatto tipiche dei modelli più evoluti:
- lente grandangolare Meyer-Optik "Domiplan" con focale di 30mm
- diaframma con aperture da f/3.5 a f/2
- otturatore centrale lamellare  "Deckel" con tempi di scatto  da 1/30sec. a 1/125sec. più la posa B
- Slitta per il flash
La caratteristica più singolare di questo modello è, tuttavia, la mancanza della classica levetta di avanzamento della pellicola. L'avanzamento della pellicola è comandato premendo su una sorta di cilindro metallico che fuoriesce lateralmente dal corpo macchina quando si preme il tasto di scatto.
Inoltre, è importante anche notare che si tratta di un modello "mezzo Leica", che scatta due pose su ogni singolo fotogramma e ciò permette di raddoppiare la capacità d ciascun rullino!
Cos'altro volete da una fotocamera? Rara, inconfondibile e half frame...

Nessun commento:

Posta un commento