Visualizzazioni totali

venerdì 11 novembre 2011

KODAK BROWNIE 8 MODEL A 15 G (1960)

George Eastman è stato uno dei padri della fotografia ma, come Henry Ford e altri imprenditori americani "illuminati", è anche uno dei principali artefici della sua diffusione tra le masse.
 
Per questo motivo la sua azienda, la Eastman-Kodak, occupa un posto d'onore nella storia della fotografia: non solo per i tanti gioielli di tecnica e stile (Bantam Special, Ektra, Medalist, ecc.) ma anche per gli innumerevoli modelli di fascia "popolare" che hanno immortalato i momenti felici di tante famiglie nel mondo.
Oltre a produrre fotocamere, Kodak è stata sempre (e lo è ancora oggi) attiva anche nel campo della cinematografia, con pellicole professionali per l'industria cinematografica e con proiettori e cineprese di fascia professionale ed amatoriale.
 
Ovviamente, anche in questo campo si è rimasti fedeli al principio che caratterizza da sempre tutti i prodotti della casa americana: massima affidabilità, semplicità costruttiva e facilità di utilizzo.
Prodotto tra il 1960 e il 1966, il modello "BROWNIE 8 MODEL A 15 G" è uno dei proiettori più semplici e di maggiore successo prodotti negli anni '60.
 
La sua linea semplice e priva di fronzoli e la massima affidabilità, unita a una semplicità d'uso disarmante ne facevano uno strumento ideale per le famiglie per poter rivedere i filmati girati in occasioni di feste, vacanze, matrimoni o anche di film di successo trasformati nel formato 8mm e venduti con grande successo in quegli anni per le proiezioni domestiche.
 
Compatto nelle dimensioni, questo proiettore è dotato di braccio pieghevole e richiudibile nel corpo macchina e di maniglia estraibile per facilitarne il trasporto.
Questo proiettore per il formato 8mm standard e supportava bobine fino a 200 piedi di lunghezza.
Per ulteriori info e dettagli tecnici, consultate il manuale d'uso al seguente link:
http://www.film-tech.com/warehouse/manuals/KodakBrownie8.pdf

Nessun commento:

Posta un commento